La nostra vita quotidiana è molto dolce! 

Forse non ci rendiamo conto di quanto zucchero ingeriamo in tutto il giorno. Vi invito, per un solo giorno, a leggere le etichette di tutto quello che mangiate e bevete. Vi accorgerete che l’ingrediente “zucchero” o anche “sciroppo di glucosio ” sono onnipresenti. Tenete conto che gli ingredienti sono posti in ordine decrescente considerando la quantità utilizzata.

Lo zucchero bianco però non è affatto salutare perché è un alimento morto in quanto raffinato. È un cibo che altera gli equilibri organici e che usato in eccesso provoca carie ai denti, obesità, fermentazioni intestinali, squilibri del metabolismo, acidosi e diabete.

Lo zucchero può essere prodotto sia dalla canna da zucchero che dalle barbabietole.

Purtroppo, lo zucchero estratto dalla barbabietola si può usare solo raffinato per via del processo produttivo. Ne deriva un prodotto bianchissimo poiché sbiancato. La raffinazione comporta diverse procedure che prevedono l’impiego di sostanze chimiche come calce, solfiti, acido cloridico ecc. Ufficialmente di queste sostanze non si dovrebbe trovare traccia nel prodotto finito ma nel dubbio…

Lo zucchero di canna è un prodotto meno impoverito e meno alterato artificialmente e inoltre non contiene residui della lavorazione chimica. 

Lo zucchero di canna di colore marroncino però non è molto diverso da quello raffinato bianco poichè viene trattato circa allo stesso modo. 

Lo zucchero di canna che si trova facilmente al bar confezionato in piccole bustine si chiama Demerara ed è molto simile allo zucchero raffinato ma non dovrebbe contenere residui chimici di lavorazione.

Dobbiamo cercare lo zucchero INTEGRALE.

Talvolta si può trovare dello zucchero finto integrale che viene prodotto a partire dallo zucchero raffinato e poi colorato con melassa. Quindi meglio acquistare dopo aver letto attentamente l’etichetta.

Lo zucchero di canna grezzo, rispetto allo zucchero raffinato, ha un contenuto maggiore di sali minerali, vitamine e fibre e il suo sapore è più intenso.

Vediamo alcuni esempi di zuccheri integrali:

  • Il Moscovado arriva dalle Barbados di colore intenso molto ricco di ferro, calcio, magnesio, potassio e fosforo.
  • Il Panela arriva dalle Ande ed è ricco di zinco, selenio, cromo, ferro, titanio e calcio. Contiene inoltre betacarotene, vitamina A, vitamine del gruppo B, vitamina E e vitamina D. Sono presenti anche prebiotici naturali, come l’inulina che protegge la microflora intestinale e aiuta a regolare la peristalsi..
  • Il Dulcita invece arriva dall’Equador ed è ambrato ed è molto ricco di ferro.

Anche se lo zucchero integrale è più sano dello zucchero raffinato, resta comunque uno zucchero rapido con un indice glicemico solo di poco inferiore al saccarosio (65 IG contro 70).

Quindi anche se utilizziamo uno zucchero integrale ricordiamoci di consumarlo con moderazione.

Laura Faedda

Annunci