Eccomi nuovamente a tediarvi con i miei post dell’orrore dove improbabili protagonisti invisibili all’occhio umano attentano alla vostra salute.

Ho notato che il pericolo delle contaminazioni crociate viene preso in seria considerazione solo in poche occasioni, per esempio, quando si aspettano bambini e quando questi nascono e sono piccolissimi.

Con questo non voglio pensare che per il resto sia un disastro totale ma purtroppo le regole che dovrebbero essere semplicemente di buon senso vengono spesso ignorate.

Chissà che persone frequenti starete pensando…ma no, vi assicuro che non è questo! 

Comunque…ma cosa sono queste contaminazioni crociate?

Vi faccio un esempio facilissimo: avete tagliato il pollo crudo e con lo stesso coltello tagliate l’insalata (vabbè questo è proprio disarmante).

Avete fatto un’insalata mista di vegetali crudi e il pollo cotto…ecco, un piatto così potrebbe essere micidiale. Il cibo crudo, specialmente se non lavato bene potrebbe veicolare batteri pericolosissimi che sono naturalmente presenti nell’ambiente e che troverebbero nella carne un terreno favorevolissimo per moltiplicarsi.

Fonte: http://pin.it/HUi5cqW

Un ambiente molto delicato è il frigorifero perché esistono batteri che riescono a riprodursi anche a temperature di refrigerazione. Uno di questi è la Yersinia enterocolitica che può essere un problema negli ambienti di macellazione specialmente di carni suine ma può essere presente anche sui vegetali.

Quindi, è importantissimo non usare utensili o recipienti o superfici che sono stati precedentemente a contatto con alimenti crudi per manipolare alimenti già cotti.

Chi somministra carne cruda al proprio cane o gatto può farlo tranquillamente nella propria cucina ma l’importante è pulire tutto quello che è stato sporcato o toccato con le mani sporche (sportello del microonde, maniglia del frigo ecc) con un normale detergente per le pulizie domestiche. L’ideale sarebbe utilizzarne uno che unisce all’azione detergente anche quella disinfettante.

In frigorifero facciamo attenzione a tenere tutto chiuso in appositi contenitori per evitare che parte di un cibo finisca accidentalmente in un’altro.

Semplicemente seguendo sempre delle normali regole di igiene possiamo affrontare tutte le situazioni senza allarmarci improvvisamente in certi momenti della nostra vita.

Mi sono concentrata soltanto sul pericolo microbiologico ma le contaminazioni crociate riguardano anche altro come gli allergeni per esempio. Ma per oggi mi sembra che possa bastare così.

Come farete adesso a vivere tranquilli sapendo che nemmeno il frigorifero potrà salvarvi?

😉 

Laura Faedda

Annunci